A Barcellona con Zafón

zafon_jugo.it

Il Cimitero dei Libri Dimenticati è uno di quei posti che si vorrebbe visitare, quasi quanto un museo o un teatro. Situato presso l’Arc de Teatre a Barcellona, è diventato ormai un vero e proprio simbolo della letteratura spagnola.

Con “L’ombra del vento”, infatti, Zafón è riuscito non solo a raccontare una bella storia, ma a far rivivere quella stessa vicenda ai suoi lettori, attraverso i luoghi nei quali i suoi protagonisti si muovono. Una Barcellona pulsante che abbandona la pagina di carta e rinasce anche nella dimensione reale. Non sorprende così di trovare tutt’oggi qualche turista (o solo appassionato) che vaga alla disperata ricerca della gigantesca libreria dove Daniel entra in possesso dell’enigmatico romanzo. Un volume che lo appassiona a tal punto da indurlo addirittura a intraprendere un percorso alla ricerca del suo autore. Un posto magico che incuriosisce e che si desidera poter vedere dal vivo. Non solo da lettore.

Ma non disperate! Se il Cimitero dei Libri Dimenticati rimane ancora un’incognita per tutti noi, ci sono tante altre mete presenti nel romanzo da segnare assolutamente sulla vostra agenda se passate per il capoluogo spagnolo. Dunque, penna alla mano e iniziate ad appuntare!

Si parte dalle Ramblas, il viale principale che taglia il centro della città e che rappresenta un punto di riferimento per chiunque. Un cammino emblematico che unisce l’antico al moderno, lo spagnolo al turista. Una via frequentatissima che è da considerarsi come un ottimo punto di partenza per un qualsiasi tipo di  gita nella città spagnola. Da qui, si diramano poi innumerevoli vicoli traversi. Basta prendere una stradina laterale per trovarsi in pochi attimi al Els Quatre Gats, il locale nel quale Daniel viene invitato alla riunione di bibliofili presieduta dal libraio Barcelò. In questa taverna, dall’atmosfera surreale e quasi senza tempo, si dice che anche Pablo Picasso amasse trascorrere parte del suo tempo libero. Bersi un caffè all’interno di questa mura, potrebbe dunque rivelarsi un’esperienza davvero stimolante! Per chi invece ha l’animo più romantico, si consiglia una visita al Tibidabo, la collina alta oltre 500 metri che domina, dalla sua posizione privilegiata, l’intera città. Qui, al di sopra di tutto, lontano dalla confusione e al riparo da sguardi indiscreti, Daniel si innamora di Beatriz, sorella del suo migliore amico, con la quale condividerà un rapporto molto speciale che si evolverà nel corso del racconto.

Con “L’ombra del vento”, Zafón ci guida alla scoperta di una Barcellona nuova. Una città mutevole che ogni volta è in grado di mostrare una parte ancora sconosciuta di sé. Senza bisogno di affidarsi ad una guida turistica, ma semplicemente seguendo i passi di Daniel, potrete rivivere parte delle sue avventure in una costante sorpresa. come luogo da leggere, da vivere, da visitare.

Appassionato di Arte & Libri?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Arte & Libri > A Barcellona con Zafón