Trieste: incisioni di Rembrandt al Castello di Miramare

Incisioni di Rembrandt

La produzione grafica di Rembrandt è la protagonista della mostra “Rembrandt. Incidere la luce” che, curata da Laura Aldovini, sbarca al Castello di Miramare di Trieste per bissare il successo ottenuto a Pavia nei mesi scorsi. Nella splendida cornice delle scuderie progettate da Carl Junker, dal 7 luglio al 7 ottobre 2012 sarà possibile scoprire le opere grafiche di Rembrandt che, oltre ad essere stato uno dei più grandi maestri della pittura, è stato anche un incisore geniale e sopraffino.

Lo dimostrano quaranta incisioni, autografe dell’artista e fogli di bottega, provenienti dalla Collezione Malaspina, conservata ed esposta ai Musei Civici di Pavia. Al fianco delle opere di Rembrandt trovano posto anche tre lavori firmati da Albrecht Dürer, in un accostamento voluto per mostrare l’influenza del maestro tedesco su quello olandese, da molti considerati i più grandi incisori di tutti i tempi.

A proposito di opere, la mostra Rembrandt. Incidere la luce propone ritratti e autoritratti come il Ritratto di Jan Six (1647), l’Autoritratto con la sciarpa al collo (1633) o l’Autoritratto alla finestra (1648), così come scene sacre quali La morte della Vergine (1639) o La stampa dei cento fiorini (1649 ca.). Misteriosa e affascinante, invece, è Il Faust (1652 ca.).

1

Appassionato di Arte & Libri?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Arte & Libri > Trieste: incisioni di Rembrandt al Castello di Miramare