La Venere di Morgantina torna in Sicilia: al via il posizionamento

Venere di Morgantina

Si conclude così la saga della “Venere di Morgantina”, trafugata nel sito archeologico nei pressi di Aidone tra il 1970 e il 1980, verosimilmente in località San Francesco Bisconti, area contrassegnata dalla presenza di sacelli arcaici (piccole aree recintate e senza coperture, situate intorno ad un altare) e da rinvenimenti di frammenti di statue in terracotta a grandezza naturale.

Agli inizi degli anni ‘80 la statua, tranciata in tra parti, è stata venduta per 400.000 dollari dal ricettatore ticinese Renzo Canavesi al londinese Robin Symes che nel 1986 la rivende al J. P. Getty Museum per 10 milioni di dollari. L’accordo siglato a Roma, il 25 Settembre 2007, tra il Ministero dei Beni Culturali, l’Assessorato dei Beni Culturali della Sicilia e il J.P.Getty Museum ha concluso una lunga e complessa vicenda giudiziaria e diplomatica.

“Il montaggio della Venere comincerà lunedì prossimo – ha dichiarato il direttore del museo archeologico di Aidone, Enrico Caruso -. Contiamo di posizionare la statua nella sua sede definitiva in un paio di giorni, al massimo entro giovedì”. “Ai visitatori – ha spiegato Caruso – proporremo un abbinamento suggestivo. Nella sala che ospiterà la Venere ci sarà anche un’altra statua, quella di una musa, datata terzo secolo. Proprio dal confronto con il materiale con cui è stata realizzata questa opera, gli studiosi sono riusciti a stabilire che la Venere e la musa provenivano dalla stessa zona della Sicilia”.

Torna quindi a casa l’opera alta 220 cm che si presenta con il corpo stante, panneggiato e con tracce di pigmenti rossi, blu e rosa. Per le parti nude del corpo – viso e braccia – è stato utilizzato marmo bianco dell’isola di Paro. Per l’uso commisto di materiali, la tecnica è la “pseudo-acrolitica”, già sperimentata in Magna Grecia e soprattutto in Sicilia, anche per la realizzazione delle metope del tempio E di Selinunte (450 a.C.). Il rendimento del corpo e del panneggio rivela profonde influenze dello “stile ricco” e potrebbe essere stata scolpita in Sicilia da un artista attico della cerchia di Fidia.

Essendo lavorata da tutti i lati fu realizzata per essere esposta al centro di un ambiente, a tutt’oggi non identificato. Il confronto più immediato con Venere è quello con un’Afrodite dell’Agorà di Atene (circa 410 a.C.) e tuttavia, dopo l’identificazione della statua, da parte degli esperti del J. P. Getty Museum come “Probably Afrodite” gli studiosi hanno riconosciuto in essa Demetra o Kore. Campagne di scavo condotte negli anni ‘80 dalla Soprintendenza archeologica di Agrigento, allora competente per territorio, confermarono oltre che a Morgantina, la presenza di un’area sacra in località Cozzo Matrice, nei pressi del lago di Pergusa dove le fonti storiche coeve localizzavano il mitico rapimento di Kore da parte di Ades, dio degli Inferi.

Appassionato di Arte & Libri?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Arte & Libri > La Venere di Morgantina torna in Sicilia: al via il posizionamento