50′s morti 60′s feriti: nuova vita al passato

Ecco così che persino Nada si è piacevolmente stupita nel riascoltare la stravagante versione di “Ma che freddo fa” firmata dai marchigiani "Io e i Gomma Gommas" e contenuta nell’album "50′s morti 60′s feriti". Uscito lo scorso 14 marzo su etichetta Mulo di Suono Records (a cui collaborano gli stessi membri della band), il disco propone una variegata selezione di brani italiani di un’epoca passata rivisitati al motto di FUN! FUN! FUN!Il risultato è una tracklist composta da classici come "Volare" di Modugno, o il tormentone di "Vengo anch’io no tu no" di Jannacci, o ancora a "24mila baci", "Dio è morto" dei Nomadi, "Il ragazzo della via Gluck" di Cementano riveduti e corretti con il sorriso sulle labbra, le chitarre distorte in braccio, una ritmica adrenalinica simil punk e in testa, ma soprattutto nel cuore la musica punk e un’estetica dark alla Tim Burton.Con il "sottotitolo" del disco è "Mortorio party – La lugubre rivincita della musica italiana (tratto da una storia vera)", "50′s morti 60′s feriti" presenta la seguente tracklist: Nel blu dipinto di blu; In ginocchio da te; Balliamo senza scarpe; Ma che freddo fa; Il ragazzo col ciuffo; Il tuo bacio è come un rock; Lascia l’ultimo ballo per me; …; Una bambolina che fa no, no, no; Vengo anch’io. No, Tu no!; Cuore matto; 24 mila baci; Dio è morto; Il ragazzo della via Gluck.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > 50′s morti 60′s feriti: nuova vita al passato