Addio a Garinei, padre del teatro in musica

Dopo aver intrapreso la carriera del giornalista, sportivo prima e satirico poi, debutta in teatro nel dopoguerra, quando insieme a Giovannini presenta il suo primo spettacolo. Regista, autore, ma anche impresario, Garinei ha lavorato con i più grandi protagonisti della scena italiana. Tra questi, solo per citarne alcuni, figurano anche Alberto Sordi, Marcello Mastroianni, Wanda Osiris, Nino Manfredi e Domenico Modugno. Ha detto di lui Enzo Biagi: "Ha uno straordinario intuito del copione e della regia, bravo senza orgoglio, devoto fino all’ossessione al suo mestiere, che è stato, ed è, una maniera di vivere". Vero e proprio padre della commedia musicale all’italiana, annovera tra gli spettacoli di maggior successo titoli come "Domani è sempre domenica", "Rinaldo in campo", "Rugantino" e "Ciao Rudy", quest’ultimo con Mastroianni nell’indimenticabile ruolo di Valentino. Commedie capaci spesso di varcare i confini nazionali, fino a contagiare l’esigente pubblico di Broadway. Ma il nome di Garinei rimarrà indelebilmente impresso anche nel panorama musicale, con canzoni che hanno segnato la ripresa nel dopoguerra. Brani come "Arrivederci Roma" e "Domenica è sempre domenica", entrati di diritto nella memoria storica degli italiani. L’ultima volta che ha diretto uno spettacolo teatrale risale allo scorso anno, con "Evviva", una commedia interpretata da Enrico Brignano.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Addio a Garinei, padre del teatro in musica