Addio barbiere, ecco l’acconciatore

A cambiare non sarà solo il nome, ma l’intera regolamentazione del settore, che viene ritoccata a distanza di ben 40 anni. Dal 17 settembre, infatti, per esercitare l’attività professionale di acconciatore sarà necessario conseguire un’apposita abilitazione professionale, con tanto di formazione ed esame tecnico-pratico finale. Tra libri e "prove sul campo", gli aspiranti acconciatori dovranno infatti studiare materie come la cosmetologia, la chimica, l’anatomia, la fisiologia, la dermatologia, la tricologia e l’informatica, più una lingua straniera e le normative nazionali e comunitarie. Se per i futuri acconciatori l’iter professionale si prospetta lungo e difficoltoso, c’è però da sottolineare come la nuova normativa tenda a tutelare sia il lavoratore che il consumatore. Regioni e Comuni dovranno infatti favorire lo sviluppo del settore, attraverso la valorizzazione del servizio delle imprese di acconciatura, anche nel quadro della riqualificazione del tessuto urbano e in collegamento con le altre attività di servizio e commerciali. Come evidenzia la Confartigianato, infatti, l’intervento regionale dovrà favorire un "equilibrato sviluppo" del settore, che assicuri la migliore qualità per il consumatore, in particolare attraverso la disciplina degli orari minimi e massimi di apertura al pubblico, la pubblicità delle tariffe e la regolamentazione relativa ai requisiti di sicurezza, anche a fini di controllo dei locali e delle apparecchiature, alle cautele d’esercizio e alle condizioni sanitarie per gli addetti. Per le oltre 100.000 imprese del territorio nazionale ed i 170.000 addetti si prospettano quindi grossi cambiamenti. E per i consumatori? Dopo il cambio Lira-Euro non sarà poi tanto difficile passare da barbiere e parrucchiera ad acconciatore…

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Addio barbiere, ecco l’acconciatore