Adolescenti: tanti vizi e poco sport

Alla ricerca hanno partecipato ben 100 esperti tra psicologi, sociologi e nutrizionisti, analizzando il rapporto tra giovani e benessere. Sotto accusa, neanche a dirlo, sono i genitori, rei per la rivista di allontanarsi troppo dai ragazzi una volta che subentra in loro un certo bisogno di autonomia. A preoccupare è il fatto che questa "esigenza" subentra già all’età di 12 anni. Uno dei primi sintomi è la sigaretta (29% – tra 12 e 16 anni), la bionda già messa sotto accusa dal Dr. James Sargent del Norris Cotton Cancer Center in un recente studio sul rapporto tra giovani ed emulazione dei modelli mediatici. Non va meglio con gli alcolici, bevuti dal 24% degli adolescenti, e con l’alimentazione sregolata, un vizio del 18% dei giovani. Secondo gli esperti, questi vizi dannosi per la salute sarebbero da imputare "alla voglia di ribellione, di libertà e di negazione delle regole suggerite dai genitori". Tra le abitudini più "pericolose", ci sarebbero: cibi del fast food, snack e stuzzichini, superalcolici, bevande gasate e dolci. Sono sempre gli studiosi a ritenere che la responsabilità sia dei genitori (73% degli esperti), le cui mancanze sarebbero soprattutto quelle di non offrire un modello positivo (26%), di non educare a dovere i propri figli (24%), di non curarsi della loro alimentazione (16%) e di non spingerli all’attività fisica (13%). Secondo lo studio di "Salute naturale" è infatti fondamentale che i genitori convincano i propri figli a svolgere attività fisica.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Adolescenti: tanti vizi e poco sport