Agriturismo: la vacanza che piace agli italiani

Se la buona tavola è una delle ragioni principali per scegliere una delle 18.480 aziende agrituristiche presenti in Italia (dati al primo gennaio 2009), la crescita della vacanza in campagna è dovuta soprattutto al fatto che, sempre più spesso, sono offerti programmi ricreativi come l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking. In quasi la metà delle strutture non mancano poi attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici, secondo Terranostra.Le aziende autorizzate all’esercizio di altre attività agrituristiche (equitazione, escursionismo, osservazioni naturalistiche, trekking, mountain bike, corsi, sport e varie) sono 10.354, pari al 56 per cento degli agriturismi nazionali. L’escursionismo e l’impiego di mountain-bike sono praticati, rispettivamente, in 3.140 e 2.398 aziende mentre più limitata è, invece, l’offerta di osservazioni naturalistiche che interessa soltanto 607 agriturismi. Tra le altre attività agrituristiche rientrano anche il trekking, l’equitazione e i corsi che riguardano, rispettivamente, 1657, 1615 e 1407 unità. Per scegliere la vacanza in agriturismo è possibile consultare le guide specializzate come "Agriturismo" edito dall’Istituto Geografico De Agostini che raccoglie le aziende associate a Terranostra.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Agriturismo: la vacanza che piace agli italiani