Al via la missione spaziale Eneide

Alla missione Eneide prenderanno parte il Comandante Sergei Krikalev (Roscosmos), l’astronauta italiano Roberto Vittori (ESA) in qualità di Ingegnere di Volo e il secondo Ingegnere di Volo John Phillips (NASA). Per Vittori si tratta della seconda partenza alla volta della Stazione Spaziale: nel 2003 aveva infatti partecipato alla missione Marco Polo, anch’essa a bordo di una Soyuz russa. La missione Eneide avrà la durata di 10 giorni e prevede una permanenza di 8 giorni in orbita sulla Stazione Spaziale Internazionale. Tra gli obiettivi ricordiamo: la sostituzione della navicella di salvataggio della ISS, la sostituzione del decimo equipaggio a bordo della stazione con l’undicesimo equipaggio e la conduzione di un’intensa campagna di sperimentazione scientifica. Al termine della missione l’esperienza europea a bordo della Stazione Spaziale sarà considerevolmente aumentata. Attraverso l’accordo tra ESA e Roscosmos, che prevede la partecipazione di un astronauta europeo alle missioni Soyuz per il programma della Stazione Spaziale Internazionale, l’Europa è diventata il principale utilizzatore scientifico dell’avamposto orbitante. Sono previsti esperimenti di fisiologia, scienze biologiche e della vita, fisica di base e dimostrazioni tecnologiche. Vittori prenderà parte anche ad attività didattiche. In occasione del lancio della missione, nella notte fra il 14 e il 15 aprile, lo stabilimento italiano dell’ESA, ESRIN, aprirà le porte al pubblico ed alla stampa.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Al via la missione spaziale Eneide