Alinghi si aggiudica l’America’s Cup

Brad Butterworth, skipper di Alinghi, ha dichiarato: "Questo è un giorno meraviglioso per Alinghi, vincere l’America’s Cup di nuovo dopo quattro anni è stato davvero difficile! L’equipaggio, i progettisti e tutto il team hanno lavorato in un modo incredibile nel periodo dal 2003 ad oggi. Abbiamo incontrato il challenger più forte e abbiamo vinto". Grazie alla vittoria su Team New Zealand, Alinghi è inoltre diventato l’unico team nella storia, insieme a quello di Dennis Conner, ad aver vinto come Defender e come Challenger. Ma il successo di Alinghi su Team New Zealand non è stato così schiacciante come sembra.

La serie finale è stata infatti caratterizzata da molti cambi di leadership e da una media di distacco generale di 23 secondi. Nella regata finale si è avuto l’esempio più eclatante. Alinghi era al comando al termine della prima bolina di 7 secondi, ma veniva superato da ETNZ nel corso della prima poppa. I Neozelandesi, infatti, riuscivano a girare la boa al cancello sottovento con un vantaggio di 14 secondi. Alinghi continuava comunque a combattere nel corso della seconda bolina e riusciva a costringere ETNZ a navigare verso la lay line di sinistra. All’arrivo in boa su mure opposte, le due imbarcazioni puntavano la prua letteralmente una contro l’altra, in una manovra aggressiva e pericolosa in cui ETNZ veniva penalizzata per non aver rispettato le regole. Alinghi, infatti, che navigava mure a dritta, era costretto a modificare la sua rotta per evitare la collisione e i giudici alzavano così la bandiera gialla, punendo i neozelandesi.

A poche centinaia di metri dalla fine, il vento calava e ruotava drasticamente, costringendo Alinghi ad ammainare lo spinnaker e issare il genoa. Nel frattempo ETNZ completava la penalità, ma il team svizzero riusciva a tagliare il traguardo con un vantaggio di circa un secondo. Per festeggiare la vittoria della 32esima America’s Cup, Alinghi organizzerà un tour nelle principali città svizzere che partirà l’8 luglio a Ginevra e si svolgerà presso il Parc de Eaux Vives dalle 17:00 in poi. Questa festa coincide con il 150esimo anniversario della creazione dell’America’s Cup e sarà aperta al pubblico. Da qui il team e l’America’s Cup andranno poi a Zurigo (10 luglio), Berna (12 luglio), Lugano (14 luglio) e, in seguito, Alinghi visiterà altri paesi e continenti.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Alinghi si aggiudica l’America’s Cup