Allergia all’uomo: non è una leggenda

Come si manifesta e di che cosa si tratta? In poco meno della metà dei casi, questa particolare allergia si presenta già durante il primo rapporto sessuale con sintomi quali bruciore e gonfiore e, in alcuni casi, orticaria, difficoltà respiratorie e angioedema. Come sottolineano gli esperti, "l’allergia all’uomo" è dovuta al contatto con lo sperma maschile, in particolare con frazioni glicoproteiche del liquido seminale come l’antigene "Psa" della prostata.Come per altre allergie, anche questa è rilevabile attraverso lo skin prick test e, in caso di coppie che desiderano avere figli, non impedisce la gravidanza, a patto che si consulti una specialista in grado di alleviare gli effetti dell’allergia. Antonino Di Pietro, presidente dell’Isplad e specialista in dermatologia e venereologia, spiega: "I primi dati scientifici in materia sono datati 1958 e da allora ad oggi si conoscono 80 casi in tutto il mondo descritti dalla letteratura scientifica. In Italia, per ora, non esiste nessun argomento scientifico in merito. In 25 anni di attività mi sono capitati due soli casi".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Allergia all’uomo: non è una leggenda