Allergie: il problema della fioritura anticipata

Ad evidenziarlo è il Cnr, che sottolinea come le umbelliferae, con fioritura prevista tra giugno e ottobre, erano già presenti a febbraio, come le juncaceae e le papaveraceae, in anticipo di almeno due mesi. In anticipo anche la famiglia delle palme, presente secondo la letteratura da aprile a giugno, che è stata segnalata dal monitoraggio del Cnr tutto l’anno.Con l’incremento dei fenomeni respiratori nei soggetti sensibilizzati, occorre qiundi giocare d’anticipo e organizzarsi al meglio. Per questo motivo è nata, ad esempio, la prima rete di monitoraggio sporo-pollinico siciliana, con lo scopo di sviluppare un metodo di indagine valido per la valutazione del polline e delle spore circolanti in atmosfera. "Il rischio – evidenziano infatti gli esperti del Cnr – è che questo clima pazzo faccia durare le allergie tutto l’anno".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Allergie: il problema della fioritura anticipata