Allmazing, la nuova piattaforma crowdsourcing dedicata a moda e design

7566_banner1coupon-5

Allmazing è una piattaforma crowdsourcing, nata da un’idea di Katia De Martino, che ha deciso di sviluppare questo nuovo progetto dedicato a moda, design e cosmesi, alcuni tra i settori portanti del Made in Italy. Attraverso il sito Pop Up Magazine, rivista online di Marketing e Comunicazione Digitale, apprendiamo che il primo contest partirà il 20 Marzo, organizzato con Essentia Beauty, azienda di cosmesi, tra le più importanti in Europa. Infatti si apprende dal sito che l’oggetto del contest è la realizzazione di un bracciale con uno scrigno, all’interno del quale trovare un profumo o un gloss, progettato da coloro che si iscriveranno per partecipare.

Ma come funziona Allmazing?

Allmazing si compone di 3 attori:

  • Creativi, destinatari del contest, che con le loro idee devono riuscire a raggiungere l’obiettivo insito nel concorso;

  • Aziende, che sono coloro che invece organizzano il contest, mettendo a disposizione della piattaforma un brief con il regolamento, ed il premio al vincitore;

  • Followers, una community che segue il concorso e può influire sulla scelta del vincitore.

Su che base scegliere chi vince?

In generale vi è una giuria interna al portale, che decide sui differenti contest, decretandone il vincitore. Questa è composta da un membro dell’azienda organizzatrice + un membro di Allmazing + un esperto del settore oggetto del concorso + un giornalista/blogger settoriale. Inoltre le considerazioni dei follower sono un fattore di scelta del progetto vincente.

Il progetto vincitore dipende da un insieme di fattori, tra i quali:

  • Originalità;

  • Creatività;

  • Innovatività;

  • Attuabilità;

Ma perché un’impresa dovrebbe aderire ad Allmazing?

L’azienda che decide di sviluppare il proprio contest sulla piattaforma, potrebbe, in un unico posto, trovare la soluzione ad un obiettivo strategico/produttivo, scovare nuovi talenti con cui collaborare internamente, e un modo di farsi conoscere, vista la presenza dei follower all’interno del progetto.

E i creativi?

Questi invece potrebbero vincere i premi messi in palio dalle aziende e mettersi in evidenza agli occhi di esperti del settore e delle organizzazioni stesse.

Per il primo contest si prevede uno stage retribuito in azienda oppure 3.000 euro in alternativa. Non male davvero! Quindi consigliamo vivamente di partecipare e provare a vincere il premio in palio. Buona fortuna!

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Allmazing, la nuova piattaforma crowdsourcing dedicata a moda e design