Alzheimer: è importante parlarne

Nonostante tutto, la malattia di Alzheimer nasconde ancora grosso mistero: il problema è sottostimato ed esistono ancora forti incertezze sull’incidenza, come conferma un recente studio condotto da Ravaglia G. et al. e pubblicato quest’anno su “Neurology”. Per questo e per altri motivi, la Federazione Alzheimer Italia ritiene indispensabile chiedere al Ministro della Sanità Francesco Storace di farsi carico di uno studio su scala nazionale, in previsione di una seria programmazione sanitaria. Oltre ad essere uno dei maggiori problemi sociosanitari, tuttora non esiste una terapia risolutiva, tra le problematiche che investono la malattia di Alzheimer c’è anche lo stigma che accompagna malati e familiari dal momento della diagnosi lungo tutto il decorso della malattia. Un dramma nel dramma, che la prossima Giornata Mondiale Alzheimer denuncia con lo slogan “Noi possiamo fare la differenza”. Per Gabriella Salvini Porro si tratta di "una sfida culturale per modificare l’atteggiamento della società nei confronti della demenza: diffondendo una maggiore conoscenza della malattia, promuovendo approcci riabilitativi a vari livelli, puntando a interventi di tipo psicosociale e pensando all’invecchiamento non come un fenomeno cronologico, bensì sociale e “denunciando apertamente la discriminazione". In occasione della Giornata Mondiale Alzheimer (21 settembre 2005), il sito www.alzheimer.it ha così deciso di arricchirsi di una nuova rubrica, dal titolo: “La voce di chi è vicino al malato”. La Federazione Alzheimer Italia invita tutti a spedire le proprie testimonianze in qualsiasi forma: poesia, breve storia, articolo o disegno. Sempre per la Giornata, com’è già avvenuto lo scorso anno, l’ADI, che raggruppa le associazioni di familiari di 69 paesi di tutto il mondo, ha inviato una lettera a 192 responsabili della sanità, tra cui il ministro italiano Francesco Storace, affinché riconoscano la demenza come una priorità nazionale.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Alzheimer: è importante parlarne