Andrè Agassi saluta tutti agli Us Open

Cresciuto alla scuola di Nick Bollettieri, quella che qualche purista del gioco definiva dei "pallettari" perché basata su un gioco offensivo, ma sempre da fondocampo, altro che serve and volley stile Edberg e Becker, Agassi ha fatto dell’anticipo sempre e comunque il suo credo, raffinandosi negli anni, ma non rinnegando mai una vocazione a schiaffeggiare la palla dopo il rimbalzo nella sua parabola ascendente. Professionista dal 1986, Agassi ha vinto 60 titoli in carriera impreziositi dai 8 titoli nei tornei del grande slam, riuscendo nel 1992 con la vittoria a Wimbledon, laddove un altro grandissimo come Ivan Lendl aveva fallito. Proprio quest’anno, al torneo londinese, sconfitto da Nadal, ha ricevuto la giusta standing ovation da parte dell’altero pubblico inglese, che sapeva di salutare per l’ultima volta il buon Andreino, come lo chiamava il collega Gianni Clerici.Di lui ci restano l’abbigliamento stravagante e super colorato del suo sponsor tecnico di tanti anni, il lancio dei pantaloncini di jeans alle tifose nei primissimi anni di carriera, quel gioco frenetico fatto di cortissime pause tra un punto e l’altro durante i suoi turni di servizio ed uno sguardo comunque e sempre dolce, tipico di chi ama quello che sta facendo. Qualche acciacco alla schiena di troppo e la consapevolezza di non avere lo sprint per affrontare la generazione di Federer e Nadal, ne ha accorciato forse la carriera, ma rammentiamo bene che Pete Sampras ha lasciato diversi anni fa, che Becker è appassito fin troppo presto, che Courier è sparito già da un po’. Lui è rimasto, fino ad oggi, con volontà, umiltà e sacrificio. E’ stato un bel personaggio. Difficile che si congedi con una vittoria, sarebbe l’epopea di un grande campione, ma comunque in questi giorni che ancora possono, in tanti tiferanno certamente per lui.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Andrè Agassi saluta tutti agli Us Open