Ansia e panico: si indaga su un ormone

Per arrivare ad ipotizzare un’azione dell’aldosterone sull’umore, gli studiosi hanno preso in esame alcuni pazienti affetti da Sindrome di Conn e da altre forme di iperaldosteronismo. I risultati sembrano aver lasciato pochi dubbi ai ricercatori, trovatisi di fronte ad un netto aumento dei casi di ansia e panico, oltre ad ulteriori disturbi, nei soggetti dove era presente un eccesso di aldosterone. Sino ad oggi, pochi erano stati gli studi che avevano ipotizzato il legame tra i casi di ansia e panico e questo ormone prodotto dalle ghiandole surrenali.Oltre a rivestire una notevole importanza nella regolazione della pressione sanguigna, l’aldosterone potrebbe quindi rivelarsi utile nella lotta ai disturbi dell’umore. Ulteriori studi serviranno a confermare le prime conclusioni tratte dallo studio della Sonino e, in caso queste risulteranno corrette, a trovare contromisure al problema dei disturbi dell’umore attraverso un controllo dei meccanismi legati alla presenza dell’aldosterone.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Ansia e panico: si indaga su un ormone