Api e antibiotici, la Fai attende l’Efsa

È quanto suggerisce il mondo dei confezionatori industriali del miele facenti capo all’Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari. Un teorema, però, che la Fai – Federazione Apicoltori Italiani – considera privo di fondamento scientifico visto che le difese immunitarie delle api non si incrementano con i farmaci ma, semmai, con un’adeguata alimentazione di polline e nettare.

La FAI ha ritenuto quindi opportuno richiedere all’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare di voler valutare fino a quale Limite Massimo Residuale (LMR) di sostanze antibiotiche si possa considerare il miele un prodotto alimentare il cui consumo non rappresenta alcun motivo di rischio per la salute umana.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Api e antibiotici, la Fai attende l’Efsa