Approvato il .XXX per i siti a luci rosse

Dopo circa 5 anni dalla proposta, potrebbe quindi nascere il controverso .XXX. I siti con contenuti sessuali espliciti saranno infatti incoraggiati a spostarsi verso i nuovi domini, in modo tale da garantire un maggiore “filtro” ai navigatori. Il passaggio al dominio .XXX (Es. www.nomesito.xxx) sarà comunque di tipo volontario, anche se l’ICM ha dichiarato che alcuni siti del settore hanno già espresso il loro appoggio alla proposta. L’approvazione del .XXX nasce dall’idea di fornire una soluzione che si ponga come un primo livello di filtro per i contenuti, anche se tale filosofia era stata inizialmente contrastata perché ritenuta inefficace e discutibile. Per ICM la creazione di un dominio di tipo .XXX dovrebbe comunque “aiutare a proteggere i bambini dall’esposizione alla pornografia online ed avere un impatto positivo sul mondo dell’intrattenimento per adulti, attraverso uno sforzo volontario dell’industria”. Il compito di gestire i domini .XXX toccherà ora a ICM, mentre il controllo verrà effettuato dall’organizzazione non-profit International Foundation for Online Responsibility (iFOR).

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Approvato il .XXX per i siti a luci rosse