Assicurazione auto: boom comparatori online

E’ quanto emerge da una nuova indagine realizzata da TNS Italia per Assicurazione.it, realtà italiana del settore, che ha cercato di quantificare il fenomeno dei comparatori online nel nostro Paese.Scopriamo così che nell’ultimo anno, complice la voglia di risparmiare sulla RC Auto, il settore dei price comparison è molto cresciuto e a servirsi dei comparatori online assicurativi sono stati soprattutto gli uomini, i guidatori con meno di 34 anni e i residenti nel sud Italia e nelle isole. E ciascuno di loro ha potuto risparmiare centinaia di euro. L’indagine è stata condotta a fine Aprile su un panel di oltre 1000 individui rappresentativi della popolazione italiana maggiorenne e, oltre a definire in maniera precisa il fenomeno dei comparatori assicurativi online in Italia, ha anche voluto indagare in maniera più approfondita quali siano state le motivazioni che hanno spinto ad acquistare (o a non acquistare) online la propria polizza auto e la propensione a tornare ai vecchi canali di acquisto offline delle polizze o a continuare nell’acquisto online anche per gli anni futuri.Secondo dati ANIA ormai oltre 2,5 milioni di italiani si sono assicurati online. L’analisi condotta da TNS Italia per conto di Assicurazione.it, ha scoperto che chi ha deciso di assicurarsi online lo ha fatto principalmente per l’opportunità di risparmiare sia tempo, sia denaro (84% del campione) e per la comodità di acquistare da casa propria e negli orari preferiti (42%). A colpire positivamente sono le dichiarazioni di oltre un milione di italiani che affermano di aver scelto il web per la possibilità di confrontare chiaramente le tariffe proposte dalle compagnie assicurative e che il passaparola sia stato motivo di scelta per oltre 400 mila automobilisti italiani.
"Nel Regno Unito – ha commentato Alberto Genovese, CEO di Assicurazione.it – il 74% del mercato delle assicurazioni auto è rappresentato dalle compagnie dirette e il 70% di quei volumi è generato dai comparatori online. Poco per volta anche il mercato italiano comincia a muoversi in questa direzione e oggi le compagnie dirette rappresentano circa il 7% del mercato, ma con tassi di crescita importanti. E’ altrettanto vero, però, che ci sono ancora grandi margini di miglioramento. Ogni italiano potrebbe risparmiare centinaia di euro sulla propria polizza, ma devono ancora cadere alcuni tabù o preconcetti tutti italiani sulla sicurezza del web".La conferma a queste parole arriva ancora una volta dai dati della ricerca. Chi ha scelto di non fare la propria polizza online dichiara di averlo fatto perché non si fida dei siti internet (73%) o per una generica "questione di privacy dei dati" (31%). Un milione e mezzo di italiani, invece, perché non ha alcuna dimestichezza con Internet.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Assicurazione auto: boom comparatori online