Basket: fine del sogno azzurro ai Mondiali

Colpa del nervosismo e della stanchezza, con sei gare in otto giorni che devono aver pesato come macigni sui ragazzi, soprattutto sul capitano Gianluca Basile (0/2, 0/2). In una partita dove a brillare sono stati Rocca (15 punti) e Di Bella (15 punti), con Mordente (8 punti) e Belinelli (9 punti) strepitosi solo nel finale, Basile ha infatti avuto nelle mani la possibilità di riacciuffare la qualificazione sul filo di lana, mancando della freddezza necessaria all’impresa. Dei ben sette tiri liberi sbagliati nel finale, i tre decisivi per l’overtime sono infatti capitati ad un Gianluca Basile provato e mai in partita che dalla lunetta fa 0 su 3 e fissa il punteggio sul definitivo 68 a 71 per i lituani. Italia out e Basile in lacrime."Sto troppo male per aver rotto il sogno dei ragazzi e di tanta gente in Italia – confessa poco dopo il match il capitano alla stampa -. Avevo condiviso il programma di Carlo Recalcati su questa Nazionale che aveva bisogno di fare esperienza. Ho fatto tutta la preparazione per bene, ma forse sei gare in otto giorni sono oramai troppe per me. Ho giocato bene la prima e poi non so, non voglio prendere decisioni affrettate. Pian piano vedremo". Chiara la delusione a caldo di Basile, ma è lo stesso Recalcati ad invitarlo a non addossarsi tutta la colpa. L’Italbasket è infatti garanzia di talento, ma è giovane e deve fare esperienza, contando su colonne proprio come Gianluca Basile. Il finale al cardiopalma con la Lituania di Macijauskas (15 punti) può e deve servire a far crescere un movimento che ha tutte le carte in regola per costruire un futuro di primo piano. Carlo Recalcati questo lo sa e per lo stesso motivo elogia il comportamento dei suoi, ma non vuole sentir parlare di sfortuna.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Basket: fine del sogno azzurro ai Mondiali