Benvenuto Brunello a Montalcino

Le giornate di venerdì 18 e sabato 19 saranno dedicate a degustazioni riservate ai soli giornalisti. Sabato 19 al Teatro degli Astrusi sarà la volta del premio Leccio
d’Oro, con la presentazione dell’annata e la presentazione piastrella celebrativa.
Domenica 20 e lunedì 21 ancora degustazioni riservate agli operatori del settore.
I prodotti in proposti in degustazione saranno il Rosso di Montalcino 2003, il Brunello di Montalcino 2000 e
l’Olio extra vergine d’oliva IGP 2004. La manifestazione segue di pochi giorni la diffusione della notizia che il famoso vino toscano è stato registrato dal
Consorzio del
Brunello, come "marchio d’impresa" in 60 Paesi del mondo, ricorrendo, inoltre, contro l’Unione Europea per difendere il suo "nome" dalle imitazioni.
L’iniziativa è maturata dopo l’incomprensibile decisione, dello scorso anno, dell’Unione di modificare il regolamento comunitario 753/02 che disciplina l’etichettatura dei vini. Un vero e proprio abominio che permetterebbeai produttori stranieri di usare le dizioni: Brunello, Vinsanto, Vino Nobile, Amarone, Morellino ed altri noti vini italiani. Già dal 1993 la registrazione del marchio era stata depositata in otto paesi: Stati Uniti, Canada, Cile, Argentina, Sud Africa, Svizzera, Giappone e Austria. Problemi che non sembrano preoccupare il mercato visto che cresce la febbre dei
“cacciatori” di Brunello che faranno di tutto per accaparrarsi l’annata 2000, la prima del millennio, di cui una bottiglia simbolica sarà presentata a
“Benvenuto Brunello”.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Benvenuto Brunello a Montalcino