Berengo, il calendario di Miss Italia

In tempi in cui ogni immagine è trattata con il sistema digitale, l’opera di Gianni Berengo Gardin rappresenta un ritorno all’analogico, frutto di una indubbia fedeltà artistica alla fotografia tradizionale. L’idea del calendario è nata in occasione della grande mostra retrospettiva del fotografo, allestita nell’estate scorsa a Milano, nel nuovo spazio "Forma", all’interno del quale aveva trovato posto una rassegna dedicata a Miss Italia con immagini di Fedele Toscani e di Luigi Gariglio. Patrizia Miriglian evidenzia: "Berengo Gardin e l’Agenzia Contrasto onorano il concorso di Miss Italia con un’opera originale, inimitabile. Il mondo delle miss non aveva mai avuto un interprete così straordinario. Un altro aspetto nuovo è che le dodici immagini che racconteranno la vita di ogni giorno della miss torinese saranno ambientate nella sua città, in casa, tra i suoi affetti, nei luoghi dei suoi studi e dei suoi divertimenti". Così, dopo i calendari di Francesca Chillemi e Cristina Chiabotto, realizzati dal fotografo Lorenzo Bringheli, si è optato per un calendario dedicato ad Edelfa Chiara Masciotta e alla sua città, Torino. Per il "fotografo d’Italia", Gianni Berengo Gardin, si tratta invece del modo migliore per festeggiare il "mezzo secolo di lavoro". "Io non sono un artista – ha dichiarato Berengo-, né un creativo, io registro il più fedelmente possibile ciò che è dinanzi al mio obiettivo. E’ un piccolo viaggio intrigante perché è un’esperienza nuova e istruttiva in un mondo che non conoscevo".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Berengo, il calendario di Miss Italia