Best Western: mega furto di dati o bufala?

A rischio sono soprattutto i dati bancari che, secondo il Sunday Herald, sono stati ceduti dal programmatore nientemeno che alla mafia russa. Se la notizia troverà conferma, i malcapitati clienti Best Western dovranno inoltre fare i conti con tutti i rischi relativi al furto d’identità, una brutta grana dai molteplici risvolti.Nel frattempo, la nota catena alberghiera si è affrettata a smentire tutta la vicenda e a rassicurare i propri clienti sulla sicurezza della propria rete. Difficile ora capire come siano andate davvero le cose. L’allarme lanciato dal Sunday Herald, che ha anche denunciato il fatto alle autorità, non sembra campato in aria, d’altra parte la verità la conosce solo Best Western, a suo modo costretta a difendere la propria immagine.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Best Western: mega furto di dati o bufala?