Bisturi addio: via alle rughe con i filler

Dal congresso presieduto dal professor Carlo A. Bartoletti emerge così un netto aumento dell’utilizzo di metodi nuovi e meno invasivi rispetto alla chirurgia estetica. Su tutti, i filler, trattamenti riempitivi a base di materiale biocompatibile che sempre più spesso vengono utilizzati da coloro che vogliono migliorare il proprio aspetto come riempitivo per rughe, depressioni cutanee, solchi e per modellare zone del viso quali labbra e zigomi. Ma il caso dell’Italia non è affatto isolato. In tutto il mondo, infatti, sembra essere questa l’ultima tendenza del mercato della bellezza. Dopo il "botox", il farmaco basato sulla tossina botulinica, ed il "laser", il filler è ormai divenuto un vero e proprio "must" per coloro che desiderano un ritocco al proprio corpo. Ma da che cosa deriva questo boom? A rispondere è stato Bartoletti, che ha dichiarato: "I motivi sono da ricercare nella voglia di restare giovani il più a lungo possibile, in una società che, al contrario, dal punto di vista anagrafico invecchia sempre di più". Ma per comprendere il successo dei filler bisogna innanzitutto considerare che, alla stregua di numerose mode, anche questo trattamento arriva dagli Stati Uniti. L’utilizzo si è poi velocemente diffuso in tutto il mondo (Italia compresa) facendo registrare, dal 2004 al 2005, un +25% e addirittura un +200% se si confrontano i dati del 2000 con quelli di oggi. Stando alle informazioni aggiornate al 2005, inoltre, il fatturato del settore ha raggiunto la cospicua cifra di 442 milioni di dollari.Se il ricorso al filler è in continua crescita, quello della tossina botulinica è invece sempre più diffuso e parte integrante del "costume". A distanza di circa due anni dal via libera in Italia, infatti, oggi si sa che a sottoporsi al trattamento a base di botulino sono soprattutto le donne dai 35 ai 50 anni, senza particolari differenze per quel che riguarda l’attività lavorativa svolta o il reddito. E’ quanto sostiene il professor Nicolò Scuderi dell’Università La Sapienza di Roma, che sottolinea come tale fenomeno sia dovuto soprattutto al costo non troppo elevato dei prodotti (500-600 euro). Infine, chiudiamo con una curiosità: sono sempre di più gli uomini che si affidano al "botox".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Bisturi addio: via alle rughe con i filler