BlackBerry? Tutto tempo guadagnato

Lo studio, voluto per misurare il reale risparmio di tempo e i vantaggi in termini di produttività consentiti dalla soluzione BlackBerry, ha infatti evidenziato che BlackBerry accresce il rendimento dei professionisti in movimento e il 96% degli utenti BlackBerry ritiene che l’utilizzo del dispositivo abbia consentito loro di convertire i periodi di inattività in orario produttivo. L’utente medio BlackBerry converte, in media, 60 minuti di tempo improduttivo in orario produttivo ogni giorno, per un totale di 250 ore l’anno. Sfruttando al meglio la propria giornata lavorativa, gli utenti BlackBerry riescono così ad approfittare al massimo del tempo extra-lavorativo.L’indagine promossa da RIM e realizzata da Ipsos Reid – che ha interessato un campione di 1.335 utenti di soluzioni BlackBerry e 1.387 responsabili IT in Nord America, Europa, Asia Pacifico e America Latina – mette in luce che, a parte i vantaggi in termini di produttività del singolo utente, BlackBerry aumenta del 38% anche il rendimento del team grazie al fatto di poter essere rintracciabili dai colleghi quando non ci si trova è in ufficio. Inoltre, il 72% degli intervistati ha dichiarato che BlackBerry ha incrementato il rendimento in termini di workflow. Gli utenti che utilizzano il dispositivo possono continuare ad essere produttivi ed efficienti mentre si spostano durante l’orario di lavoro utilizzando le funzionalità voce, email, navigazione internet, messaggistica e organiser, oltre a una vasta serie di applicazioni. I professionisti mobili adottano sempre più BlackBerry per usufruire di un’esperienza mobile completa grazie anche alle applicazioni di terze parti sia consumer che business.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > BlackBerry? Tutto tempo guadagnato