Bluetooth: anche i cellulari a rischio virus

Durante l’indagine, avvenuta per le strade italiane, i cellulari "attaccabili" sono risultati ben 1300, dimostrando la validità della scelta di F-Secure di proporre una tecnologia antivirus appositamente studiata per i telefonini. Il test, eseguito da Secure Network, ha inoltre risollevato l’annosa questione della sicurezza delle comunicazioni da parte degli utenti di telefonia mobile e non solo. Per mettere alla prova i dispositivi dotati di Bluetooth, gli esperti di Secure Network hanno posizionato, all’insaputa dei passanti, alcuni strumenti in una valigia poi trasportata nelle zone più affollate della Lombardia.Tra i risultati emersi in una settimana di test, i dispositivi con Bluetooth attivo e visibile sono stati 1405. In ben 1312 casi si è trattato di cellulari e smartphone, 39 PC/notebook, 21 palmari, 15 navigatori satellitari, 5 stampanti e 13 altri dispositivi. Secondo F-Secure Italia, tale diffusione di dispositivi a rischio avrebbe permesso ad un malintenzionato, con le adeguate conoscenze, di attaccare ben 1300 apparecchi in meno di 24 ore. Considerando che attualmente sono circa 200 i virus studiati per il Bluetooth, Miska Repo, Country Manager della società di sicurezza, ha dichiarato: "Una delle ragioni dell’incremento di questa tipologia di minacce sta proprio nel fatto che gli smartphone costituiscono sempre più spesso uno strumento di lavoro e ciò implica che spesso vi risiedano informazioni più appetibili per eventuali aggressori alla ricerca di dati riservati da utilizzare, ad esempio, per fare dello spionaggio industriale".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Bluetooth: anche i cellulari a rischio virus