BMW Megamoto: veicolo superdinamico

Per soddisfare le esigenze di guida sportiva su strada e su pista, l’HP2 Megamoto adotta un telaio più stretto e abbassato, oltre a componenti ricercati e di ottima qualità. Sull’anteriore, l’ultima nata della casa tedesca monta una forcella Marzocchi rovesciata completamente regolabile, con steli da 45 mm e una corsa di 160 mm, che consentono un’eccellente scorrevolezza e una dinamica di guida superiori. Posteriormente, per una perfetta tenuta di strada, si è invece scelta una sospensione Öhlins con ammortizzatore regolabile in estensione e compressione e 180 mm di corsa.

Non deludono le aspettative, naturalmente, i cerchi e gli pneumatici: all’anteriore troviamo un pneumatico 120/70-ZR 17 su un cerchio di 3,5 pollici, posteriormente una ruota di 5,5 pollici con pneumatico 180/55 ZR 17. Per avere delle ottime prestazioni in frenata, è stato inoltre aggiunto un secondo disco all’anteriore. Nasce invece da un attento studio ergonomico, volto a rendere la Megamoto facile nell’utilizzo quotidiano e prestazionale nella guida sportiva, la triangolazione di sella, pedana e sterzo. Ricercati e leggeri i materiali impiegati, come la fibra di carbonio, capace di ridurre il peso della moto e di renderla ancora più accattivante.

Nella rinnovata impostazione del caratteristico propulsore Boxer ci si è invece focalizzati sull’accelerazione e su un’erogazione pronta, grazie alla coppia disponibile sin dai più bassi regimi di rotazione. L’aggressivo terminale di scarico Akrapovic a doppio stadio, specificamente costruito per la Megamoto, produce infine un suono coinvolgente e riconoscibile. Insomma, la nuova HP2 Megamoto promette un piacere di guida eccellente e la maneggevolezza di una moto senza compromessi, leggera, prestazionale, agile ed esclusiva.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > BMW Megamoto: veicolo superdinamico