Calcio: Italia campione del mondo

La vittoria "di rigore" rappresenta per gli azzurri una sorta di rivincita dopo la finale persa nel 1994 contro il Brasile. A Germania 2006 gli azzurri non sbagliano dagli undici metri e, dopo aver pareggiato per 1-1 dopo i 90 minuti ed tempi supplementari, sfruttano l’errore dello Juventino Trezeguet (palla sulla traversa) per portare a casa il titolo Mondiale. A dire il vero, la partita si era messa subito male per gli azzurri. Già al sesto minuto la Francia passa in vantaggio su rigore per un fallo (discutibile) di Materazzi ai danni di Florent Malouda. L’arbitro Elizondo fischia il penalty che Zinedine Zidane trasforma con un "cucchiaio" che sbatte sulla parte inferiore della traversa e va a rimbalzare alle spalle di Buffon. Uno a zero per la Francia e palla al centro.Gli azzurri, affatto intimoriti dall’avvio in salita cercano in tutti i modi di pareggiare e al 19esimo è proprio Marco Materazzi a pareggiare di testa su corner battuto da Andrea Pirlo. Grande l’elevazione di Materazzi che supera l’avversario diretto e trafigge l’incolpevole Fabien Barthez per l’uno a uno. Dopo la personale rivincita del difensore interista, la partita si incanala su un perfetto equilibrio. Il match continua e, salvo una traversa si Toni al 38esimo del primo tempo (sempre su cross di Pirlo), nessuna delle due squadre sembra poter avere la meglio sull’altra. La Francia attacca, ma non appare in grado di impensierire Buffon, peraltro ottimo in un paio di circostanze.Si arriva così, senza particolari sussulti, sino al 90esimo. E’ nei tempi supplementari che si consuma "il fattaccio". Al 111esimo la finale vive un vero e proprio colpo di scena quando l’arbitro Horacio Elizondo, dopo essersi consultato con i guardalinee, espelle Zidane per una testata a Materazzi a palla lontana. Per il capitano dei "bleu" si tratta del modo peggiore per terminare in anticipo la finale di Germania 2006 e di una triste conclusione per la sua carriera da grande fuoriclasse (Zidane lascerà infatti il calcio dopo il Mondiale).Con i giocatori sfiniti dalla stanchezza, la superiorità numerica degli azzurri non riesce però a fare la differenza e si arriva così ai rigori. Segnano Pirlo, Wiltord e Materazzi, dopodiché è Trezeguet a cogliere la traversa. Con l’Italia in vantaggio, vanno poi sul dischetto De Rossi (gol), Abidal (gol), Del Piero (gol), Sagnol (gol). Il rigore decisivo spetta a Fabio Grosso che, ancora una volta, non delude e manda in rete la palla decisiva. Italia batte la Francia 5-3: gli azzurri di Marcello Lippi sono campioni del mondo. Si scatena la festa in tutta Italia e nella stessa Berlino che, per una sera, diventa tutta italiana.Mentre i caroselli colorano di verde, bianco e rosso la nazione ed i clacson sembrano campane che suonano a festa, dalla Germania il Ct Marcello Lippi non riesce a contenere la propria gioia: "Questa sera ho vissuto la più grande soddisfazione della mia vita – ha confessato il tecnico – Io ho allenato grandi squadre e ho vinto molto, ma quello che mi è accaduto stasera non ha paragoni con nessuna delle esperienze che ho vissuto fino ad ora.Dedico questo successo alla mia famiglia. I festeggiamenti non erano assolutamente preparati, sono stati qualcosa di spontaneo, i ragazzi hanno fatto quello che veniva loro da dentro". Gli fa eco Gennaro Gattuso, che dichiara: "Alla fine di questa avventura voglio fare i complimenti al popolo tedesco, a tutte le persone che ho incontrato in questo mese che sono state molto educate, rispettose e civili. Ora torneremo a Duisburg e festeggeremo là tutta la notte. Voglio concludere dicendo una cosa: questa è una vittoria che deve rendere felice tutto il popolo italiano. Questa è la vittoria di tutti". Il Paese risponde a "ringhio" con scene di giubilo da Nord a Sud, da Est a Ovest… l’Italia intera è in festa.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Calcio: Italia campione del mondo