Calcio: la Serie B sposa il tetto salariale

Ultima, ma non in ordine di importanza, è la novità del "paracadute" per le squadre che retrocedono in C (sul campo). Per loro ci sarà un’indennità di 500 mila euro all’anno per tre anni. Tornando al "salary cap", il presidente di Lega Adriano Galliani ha affermato: "Per la prossima stagione, gli stipendi dei tesserati non dovranno superare il 70% dei ricavi complessivi, percentuale che scenderà al 65% nella stagione successiva e arriverà a regime, e quindi a quota 60%, il terzo anno". E per i presidenti che non rispettano i parametri? Dovranno pagare le differenze di tasca propria, pena la perdita dell’accesso alla mutualità. Per quel che riguarda le rose, che nel 2009 saranno composte da massimo 20 giocatori, le squadre potranno comunque attingere a 4 giocatori provenienti dal settore giovanile e ad un numero illimitato di under 21. In caso di necessità, quindi, spazio ai giovani. E per la Serie A? Ancora niente, ma Galliani non esclude novità per il futuro.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Calcio: la Serie B sposa il tetto salariale