Cambiano i CAP, i codici di avviamento postale

Per le 27 città suddivise in zone postali è stato abolito l’utilizzo del codice postale generico: dal 20 settembre bisognerà sempre indicare il CAP specifico di zona sugli invii indirizzati ad Ancona, Bari, Bergamo, Bologna, Brescia, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, La Spezia, Livorno, Messina, Milano, Napoli, Padova, Palermo, Perugia, Pescara, Pisa, Reggio Calabria, Roma, Salerno, Torino, Trieste, Venezia, Verbania, Verona. Poste italiane ha comunicato che in totale circa il 10% delle strade avrà un Codice di Avviamento Postale diverso rispetto al passato. Vengono infatti assegnati i CAP alle vie di nuova istituzione, rivisti o eliminati alcuni CAP cittadini (scompaiono i 19138 e 19139 a La Spezia, il 90132 a Palermo, i 65131 e 65132 a Pescara, il 30131 a Venezia), e per Bari, Perugia, Pisa, Reggio Calabria, Roma, Trieste, Venezia e Verona se ne aggiungono di nuovi.I residenti delle zone interessate dai cambiamenti hanno già ricevuto, o stanno ricevendo, un opuscolo che illustra le novità, ma gli aggiornamenti sono anche contenuti nella nuova edizione del libro dei CAP (4,90 €) e nel Cd Rom “Cerca CAP” (6,90 €), disponibili presso gli uffici postali e presso gli uffici e le aree PTbusiness. Per ogni informazione sui nuovi CAP ci si può comunque rivolgere all’ufficio postale, chiamare il call center di Poste Italiane al numero gratuito 803.160 oppure consultare il sito Poste.it.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Cambiano i CAP, i codici di avviamento postale