Cani: il provvedimento contro l’aggressività

È considerato maltrattamento anche l’utilizzo di collari elettrici, una delle potenziali cause dell’aggressività dei cani. L’ordinanza prevede inoltre una lista di cani considerati pericolosi, composta da 17 cani tra i quali troviamo rottweiler, pit bull, american bulldog, dogo argentino, tosa inu e fila brasileiro. Per questi animali viene imposto in ogni luogo pubblico l’obbligo dell’uso contestuale del guinzaglio e della museruola. Non solo, chi non fosse in grado di mantenerli nel rispetto delle disposizioni dell’Ordinanza, è obbligato ad interessare le autorità veterinarie competenti del territorio al fine di ricercare con le amministrazioni comunali idonee soluzioni di gestione dell’animale, compresa la valutazione dell’abbattimento eutanasico. Un aspetto del provvedimento che non è piaciuto a tutti, in primis a Ciro Troiano, responsabile Sos Maltrattamenti della Lav Onlus. Si tratterebbe infatti di una vera e propria lista di prescrizione: "Con questa Ordinanza – commenta Troiano -, per la prima volta nel nostro ordinamento giuridico, si arriva a prevedere l’abbattimento dei cani in base alla razza di appartenenza e non più solo in base al loro stato di salute o comportamentale: ciò rappresenta un grave e pericoloso capovolgimento normativo".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Cani: il provvedimento contro l’aggressività