Cellulari e non solo: dismettere e guadagnarci

E’ quanto emerge da un’indagine commissionata ad Added Value dal sito d’aste online eBay.it, secondo cui sarebbero oltre 21 milioni i nostri connazionali che possiedono oggetti tecnologici lasciati nei cassetti. E non solo: circa il 53% ha anche ammesso che quando cambia il cellulare, oggetto imprescindibile per tutti, è ancora in ottime condizioni. L’indagine rivela inoltre che il cellulare, iPod e Smartphone, sono tra gli oggetti cambiati con più frequenza, con una media di uno ogni 2-3 anni.Ma cosa fanno gli italiani con gli oggetti che non usano più e come si comporterebbero se sapessero che rivenderli gli consentirebbe di guadagnare una fortuna? Il 41% degli intervistati dichiara di conservarli "perché in fondo possono sempre servire", il 38% li butta, mentre il 22% dichiara addirittura di dimenticarsene. Approfitta della possibilità di rivenderli e di guadagnarci qualcosa solo il 7%.Il 53% si dichiara però propenso, in futuro, a cambiare abitudine rivendendo i propri apparecchi, e ben il 46% degli intervistati sceglierebbe come canale preferenziale internet e portali come eBay. Oltre ai vantaggi già noti, come il risparmio di soldi, di tempo e la comodità dell’acquisto da casa, gli italiani riconoscono ad internet, soprattutto per questa categoria merceologica, la vasta scelta di prodotti offerti e la possibilità di confrontarli e approfondire le caratteristiche tecniche.Secondo la ricerca, tra gli oggetti tecnologici più diffusi in Italia al primo posto si trova il cellulare, seguito da lettori dvd, televisori led/al plasma/lcd e da macchine fotografiche digitali. Gli uomini possiedono poi un maggior numero di prodotti tecnologici, in particolar modo quelli che consentono di essere "attivi" in qualsiasi situazione come Pc portatili, iPod, Videocamere, Smartphone e Tom Tom. Le donne hanno una percentuale molto più alta, invece, quando si parla di possedere il cellulare, a conferma della predilezione femminile per le chiacchiere al telefono e per la relazione con le persone, più che con gli oggetti.Sempre dall’indagine risulta inoltre che il 48% degli uomini legge attentamente le istruzioni per ottimizzare l’uso di qualsiasi prodotto, mentre il 36% delle donne ammette di affidarsi al caso e di sfruttare solo in parte le potenzialità degli oggetti tecnologici. Per quanto riguarda eBay, tra i 10 oggetti più ricercati nel primo trimestre del 2010 ci sono Notebook, Computer portatili, Tv lcd e Fotocamere digitali, ma quelli che hanno subito un incremento notevole di acquisti nel 2009 rispetto all’anno precedente sono gli Accessori per Blackberry con un +415% e, in maniera forse meno sorprendente, i Decoder DTT con un +217%.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Cellulari e non solo: dismettere e guadagnarci