Cellulari e tumori: maxi studio nega legami

Ad ogni modo, gli stessi ricercatori hanno sottolineato che i dati, presto pubblicati sul Journal of Epidemiology, non sono sufficienti per avere la tanto desiderata risposta definitiva sulla questione che i cellulari possano avere effetti negativi sulla salute.Realizzato dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (Iarc) su commissione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), lo studio "Interphone" ha preso in esame 13.000 soggetti di 13 nazioni per un periodo di dieci anni.Terminato lo studio "Interphone", molta attesa c’è ora per un’altra maxi-indagine che prende il nome di "Cosmos – Cohort Study on Mobile Communications". Lo studio sarà coordinato da Paul Elliott dell’Imperial College di Londra e prenderà in esame un campione di ben 250.000 persone (di Gran Bretagna, Svezia, Finlandia, Olanda e Danimarca) per un periodo variabile tra i 20 e i 30 anni, durante i quali non saranno solo indagati gli effetti delle radiazioni dei cellulari, ma anche di WIFI, telefoni cordless e altre apparecchiature senza fili. I dati del nuovo importante studio, insieme a quelli di altri minori ancora in corso, serviranno ai ricercatori per avere maggiori basi su cui lavorare.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Cellulari e tumori: maxi studio nega legami