Che cosa c’entra Renzo Rosso (Diesel) con il Ponte di Bassano del Grappa?

A Bassano del Grappa, bella cittadina in provincia di Vicenza, non si parla d’altro: il Ponte degli Alpini cede, occorre salvarlo e l’Amministrazione Comunale non ha tutti i fondi necessari per il suo restauro, così è un fiorire di idee, eventi e manifestazioni al fine di raccogliere la somma che contribuirà a rimettere in sesto ciò che rappresenta Bassano nel mondo. Renzo Rosso, 58 anni, il fondatore del colosso Diesel e uno degli uomini più ricchi d’Italia, abita poco lontano dal suggestivo monumento di legno e, non nuovo a forme di collaborazione benefica, ha deciso di esporsi personalmente mettendosi all’asta.

Onde evitare possibili fraintendimenti e spegnere sul nascere i fremiti di piacere e di amorosi sensi nelle lettrici internaute, è bene spiegare che Rosso è sì uomo affascinante e, a detta dei ben informati, di buona compagnia, quindi nulla ha da invidiare a un George Clooney abituato a simili accadimenti pubblici, ma in questa occasione l’imprenditore offrirà in esclusiva la sua esperienza professionale a chiunque vorrà passare del tempo con lui pagando come minimo mille euro. Il programma dell’appuntamento prevede che il fortunato gruppo di persone aggiudicanti l’asta pranzerà con Renzo Rosso, visiterà l’avveniristica sede di Diesel a Breganze (Vicenza) e avrà l’insperata quanto certa possibilità di parlare, confrontarsi e scambiare idee con il manager veneto, il quale è anche presidente di “Only the Brave”, una holding internazionale che supervisiona vari marchi di moda, fra i tanti Just Cavalli e Vivienne Westwood.

Che tipo sarà il partecipante all’asta di beneficenza che, tra pochi giorni, vedrà il nostro eroe protagonista allo scopo di salvare l’antico ponte coperto di Bassano del Grappa? Secondo le previsioni dello stesso Renzo Rosso, frutto di una semplice analisi basata sulle caratteristiche di chi, negli anni, ha cercato di contattarlo, con ogni probabilità gli offerenti saranno stilisti curiosi di vedere come si lavora in Diesel, giovani che si occupano di moda a vario titolo, piccoli imprenditori del settore desiderosi di avventurarsi nel mercato globale.

E se, dopo l’asta, servissero altri soldi per il recupero del simbolo cittadino? Niente paura, Rosso giura che non si tirerà indietro, in fondo è per una giusta causa.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Che cosa c’entra Renzo Rosso (Diesel) con il Ponte di Bassano del Grappa?