Ciclismo: il campione è Gasparotto

Il tentativo più deciso porta la firma del campione in carica Moreni, il primo corridore a passare l’ultima salita. Ma, dopo poco, è stato ripreso da Mazzoleni e Mori, ai quali si è aggiunto il drappello d’inseguitori con i velocisti Celestino, Pozzato e Gasparotto. Nello sprint finale Gasparotto ha sfruttato con grande astuzia il treno della Quick Step uscendo prepotentemente ai 200 metri. Filippo Pozzato ha dovuto accontentarsi della piazza d’onore, mentre terzo è arrivato Massimo Giunti della Fassa Bortolo. Gasparotto, nato a Sacile il 22 marzo 1982, si è così aggiudicato la maglia bianca, rossa e verde dedicata al vincitore la Settimana Tricolore. Come anticipato, il risultato è ancora più importante considerando che il 23enne è al suo primo anno tra i professionisti, anche se aveva già rotto il ghiaccio vincendo la tappa di Cambrils nella recente Vuelta di Catalogna. "E’ stata una gran fatica – ha commentato Enrico Gasparotto al termine della corsa -, mi sembra impensabile. Ero uscito stanco dal Delfinato, ma ci credevo, al Catalunya avevo già vinto e sapevo di poter dare ancora qualcosa. Ho dato tutto nell’ultimo giro e sono rimasto a ruota di Pozzato, che sapevo stare in ottime condizioni. Essere una sorpresa può far comodo, d’ora in poi però non sarà più così." Con questo trionfo, Gasparotto può sentire più vicino il sogno di indossare la maglia della nazionale italiana: "Ballerini mi ha fatto i complimenti? Anche quando avevo vinto la tappa del Catalunya mi aveva elogiato, io un piccolo pensiero alla Nazionale lo faccio da sempre, speriamo".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Ciclismo: il campione è Gasparotto