Cina: anche le uova a rischio melamina

Il rischio è infatti che, in Cina, la melamina sia entrata nella catena nutritiva degli animali con la possibilità che siano contaminati anche maiali, polli e pesce, come sottolineato anche dalla Fao.Da noi, nel commentare la notizia, la Coldiretti sottolinea la necessità di estendere l’obbligo di indicare in etichetta la provenienza a tutti gli alimenti per consentire scelte di acquisto consapevoli e scongiurare pericoli per la salute.Basti infatti pensare che nel 2008 le importazioni in Italia di prodotti agroalimentari dalla Cina raggiungeranno il valore di mezzo miliardo di euro. Tra i prodotti più importati troviamo ortaggi e legumi (secchi, conservati o loro preparazioni), e in particolare spicca il concentrato di pomodoro. "Sulla base dei dati Istat dal gigante asiatico – indica la Coldiretti – arrivano anche pesci, crostacei e molluschi, semi, sementi e piante medicinali, frutta, gomme, resine ed estratti vegetali e aglio".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Cina: anche le uova a rischio melamina