Cinture: chi guida è responsabile per gli altri

Chi guida un’auto, quindi, oltre ad invitare i passeggeri ad allacciare l’utile dispositivo di sicurezza, deve anche accertarsi che questi l’abbiano fatto davvero. Il rischio, infatti, è quello di una condanna per lesioni colpose nel caso di un incidente in cui i trasportati siano feriti o peggio ancora. L’importante sentenza della Corte di Cassazione arriva come ultimo atto di una vicenda che ha avuto per protagoniste due amiche coinvolte in un piccolo incidente automobilistico.La ragazza che guidava è stata infatti costretta a pagare la cifra di 200 euro all’amica come risarcimento per lesioni colpose lievi, oltre alle spese processuali e 1000euro per la Cassa delle ammende. Chi guida un’auto non deve quindi limitarsi di invitare i passeggeri ad indossare le cinture, ma deve verificare che questi l’abbiano davvero fatto. Il rischio, infatti, è quello di incappare in sanzioni ancor più serie rispetto a quelle della vicenda che ha visto coinvolte le due donne.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Cinture: chi guida è responsabile per gli altri