Cnr: scoperto legame tra obesita e gene FTO

La scoperta dell’Inn-Cnr, pubblicata sulla rivista Plos Genetics, è arrivata attraverso l’utilizzo di una tecnica all’avanguardia, chiamata "genome-wide association scan", che consente di analizzare il genoma in maniera globale". "L’analisi che ha permesso di identificare alcune varianti geniche associate all’obesità – spiega Manuela Uda dell’Inn-Cnr -, è stata condotta su un campione di oltre 4000 individui sardi, di età compresa tra i 14 e i 102 anni, provenienti da quattro città della Valle di Lanusei, nella provincia dell’Ogliastra".Sempre la ricercatrice ha sottolineato che, una di queste varianti, cioè una sequenza specifica all’interno del gene FTO, risulta presente con una frequenza molto elevata, pari al 46%, e correlata in maniera altamente significativa all’aumento di tre caratteri tipici dell’obesità: l’indice di massa corporea-BMI, la circonferenza dei fianchi ed il peso corporeo. Risultati simili, ma meno significativi, sono poi stati ottenuti su campioni della popolazione nordamericana, per un risultato estendibile anche ad altre popolazioni, ma che conferma l’importanza di quella sarda per gli studi di genetica. "L’approccio genetico su larga scala – conclude Manuela Uda – offre il vantaggio di individuare nuove relazioni tra l’obesità e le vie metaboliche, quindi nuovi targets terapeutici. Al momento, la terapia migliore contro l’obesità è infatti considerata la prevenzione".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Cnr: scoperto legame tra obesita e gene FTO