Come avviare un’attività di vendita online

vendere_online_jugo.it

 Gestire un’attività di vendita al dettaglio per gli esercenti sta diventando sempre meno redditizio, soprattutto se i muri del negozio non sono di proprietà: per ammortizzare tutti i costi è necessario vendere una cospicua quantità di merce ogni giorno. Avviare un’attività di vendita online può essere una buona idea sia per chi già gestisce un negozio e vuole aumentare il giro di affari sia per chi è entrato a far parte della folta schiera dei disoccupati. Nel secondo caso occorre anche  creare un piccolo magazzino, ma per farlo è sufficiente sgombrare una stanza in casa o coibentare la cantina in modo da evitare umidità e sbalzi di temperatura che potrebbero deteriorare le merci.

Si definisce commerciante chi vende qualsiasi prodotto in maniera continuativa per trarne un profitto. La legge non stabilisce con esattezza il limite tra un’attività occasionale ed una continuativa, ma in generale chi nell’arco di un anno vende più di 5 beni oppure realizza un ricavo superiore ai 7.000 euro  dovrebbe aprire la Partita IVA , però non spaventatevi per questo: potete farlo gratuitamente. Possedere una Partita IVA è consigliabile anche se non obbligatorio finché il vostro giro di affari non aumenta, perché conferisce maggiori garanzie al cliente ed è indice di serietà del venditore.

Se avete perso il lavoro e vi trovate improvvisamente a casa senza fare niente, è il momento di rispolverare vecchie passioni che avevate accantonato ed avviare una piccola attività artigianale, magari dopo avere frequentato un corso gestito dal Comune di residenza per perfezionare le vostre capacità. Vendere online è semplice e redditizio, purché siate dotati di creatività e spirito pratico.

Quando avrete ben chiaro cosa volete vendere, potete avviare subito la vostra attività affidandovi a siti come www.etsy.com,  www.bloming.com   (questo utilizza la lingua inglese, ma troverete la parte dedicata al negozio online tradotta in italiano) o www.it.dawanda.com ,  i quali effettueranno per voi un progetto completo di attivo da subito gratuitamente, ma in seguito dovrete cedere una piccola percentuale del vostro ricavo. Per i pagamenti è consigliabile affidarsi a Paypal.

Per quanto riguarda le  spedizioni,  si possono utilizzare i corrieri FedEx, Bartolini, Global Service o meglio ancora registrarsi sul sito di Poste Italiane per ottenere il comodo servizio PaccoWeb. Una volta avviata l’attività, potete pubblicizzare il vostro negozio online sui social network con un semplice click, e in seguito con i primi guadagni potete acquistare dei banner pubblicitari sui siti che sapete essere seguiti da molti utenti. I ricavi, finché non avete ancora aperto la partita IVA,  vanno inseriti nella dichiarazione dei redditi e denunciati ai fini IRPEF.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Come avviare un’attività di vendita online