Con il caldo scoppia la passione per il gelato

E’ quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che a sorpresa i consumi si concentrano per oltre la metà (53,5%) nelle regioni del nord seguite dal m ezzogiorno (28,3%) e dal centro Italia (18,1%)."Nel 2009 – sottolinea la Coldiretti – si è verificata una moltiplicazione delle iniziative volte a garantire la genuinità del prodotto a partire dall’impiego di latte fresco di produzione locale al posto dei surrogati a basso costo. Infatti accanto alle gelaterie artigianali cresciute, secondo la Confartigianato, in numero dell’8,8% nel 2008 per un totale di 35.000, cresce la preparazione casalinga di gelati che consentono una accurata selezione degli ingredienti, dal latte alla frutta".Sul mercato non mancano però le novità, come la produzione di gelati a base di latte d’asina particolarmente apprezzato per le sue proprietà, le agrigelaterie che offrono gelati ottenuti da latte appena munto in stalla o gusti a "chilometri zero" perché ottenuti da prodotti locali che non devono essere trasportati con mezzi che sprecano energia ed inquinano l’ambiente: dall’amarone in Veneto al pistacchio di Bronte in Sicilia, dal bergamotto in Calabria ai frutti di bosco di Cuneo. Ricordiamo, infine, che il consumo di gelato annuale è stimato in Italia in oltre 15 chili a persona per una spesa di 5 miliardi di euro destinati all’acquisto di coppe, coni, bastoncini e vaschette, dei quali il 60% di tipo artigianale e il 40% industriale.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Con il caldo scoppia la passione per il gelato