Corrado Guzzanti e la satira: i tempi di Matrjoska e la Tv di oggi

Corrado Guzzanti sulla copertina di GQ

Intervistato per il nuovo numero di GQ, in edicola dal 2 febbraio con la copertina a lui dedicata, Corrado Guzzanti dimostra ancora una volta di non avere peli sulla lingua… nemmeno quando parla di sé e delle disillusioni giovanili. “Volevo disegnare fumetti, come tanti della mia generazione – spiega il comico -. Poi ho sognato di fare il romanziere. Scrivevo racconti. Li ho anche mandati a quelle case editrici che mettevano annunci per esordienti. Ovviamente li accettavano. E li avrebbero pubblicati subito, se avessi pagato (…) Ma è andata bene così: non erano grandi racconti; quando li rileggevo, una settimana dopo, mi mettevo a ridere e ne scrivevo la parodia”.

Primi accenni di quella satira pungente che ne avrebbe decretato il successo? “Sono partito dall’auto-satira – afferma Corrado Guzzanti -. Finché mia sorella Sabina ha preso uno dei miei testi e se l’è portato in tv. È cominciato tutto per caso, anche la mia prima apparizione: feci una comparsata alle sue spalle. Però era un’altra televisione…”.

La critica alla Tv moderna non è certo nuova, ma è curioso scoprirne i motivi dalle parole di un comico che dalla televisione è rimasto lontano a lungo, per scelta sua e non solo. Come esempio del cambiamento, Guzzanti sceglie il programma “Matrjoska”, esperimento televisivo e provocatore del 2008. “Il programma abortito di Antonio Ricci con Moana Pozzi – ricorda Guzzanti -. All’epoca Ricci era uno sperimentatore, c’era davvero roba forte. Quelli del Male, Stefano Disegni con lo Scrondo, Moana nuda. Poi Berlusconi vide il pilota e lo fece cancellare: troppo spinto. Se ne fece un’altra versione, con un altro titolo, L’araba fenice, e perfino un’altra scenografia, ma non era la stessa cosa”.

Perché tanti di quelli che c’erano allora, nei teatri, nelle radio, nelle piccole tv gente che faceva cose folli e a volte geniali, si sono arresi così facilmente alla commercializzazione? “Dovresti chiederlo a loro. Non giudico, io ho fatto sempre solo quello che mi sono sentito”.

E’ anche uno dei motivi perché le apparizioni in Tv di Corrado Guzzanti sono così rare. “Non lo so, potevo fare di più – ribatte il comico -. Ho fatto, di più, ma l’ho tenuto per me. Scrivo molto per me stesso (…) Ci sono personaggi che ho creato e sono andati a male. È passato il momento, qualcun altro ha avuto un’idea simile, capita. Per un secondo mi dico: guarda, se lo facevi… Passa subito. Mi sarebbe piaciuto fare più cinema, forse ho detto troppi no: a Pupi Avati, a Lina Wertmüller, ma erano sempre quelle parti, sai, adesso arriva lui e fa ridere. Camei”.

E se della Tv di oggi apprezza le serie americane e i talk show, sui dibattiti dice: “Osservo i personaggi. È uno studio antropologico”. Fin troppo semplice chiedere a Corrado Guzzanti cosa ne pensi dell’attuale panorama: “Che siamo nella fase dell’oblio – risponde lui -. Ci governano degli sconosciuti. L’altra sera abbiamo fatto un gioco: chi è ministro dell’Interno? Che faccia ha quello agli Esteri? L’unica conosciuta è la Forleo…”. Fornero? “Vedi? Quella che ha pianto. La conosci perché ha fatto una cosa. Poi ci sono i giornalisti narcisisti, che adesso provano a fare satira pure loro. E c’è tutto questo dibattito senza verità. Uno dice: l’Istat afferma che la produzione è scesa del quattro per cento. L’altro gli risponde: no, guardi che è salita del due. Mai che il conduttore fermi tutti, tiri fuori le statistiche dell’Istat e faccia vedere: ecco, dice che la produzione è ferma”.

Quale sarebbe il personaggio del momento? “Mi piacerebbe fare uno schizofrenico. Uno che dice: i provvedimenti presi erano necessari, sacrifici inevitabili per riconquistare la fiducia dell’Europa. Poi sbotta: Monti è un bastardo, mi ha rubato la pensione!”. Ed è da quelli che tiri fuori il meglio. Non quando fai Bertinotti, quando t’inventi Vulvia, o padre Pizzarro. Da dove ti viene quella roba lì? “Guardo ore di televisione strana, lo facevo anche prima di Sky: programmi su canali lontani. Tipo quelli che insegnano come arredare le case. Mi affascinano i linguaggi settari. Cerco di capire che effetto fanno sulla gente, decifrarne gli algoritmi. Poi li fondo con… non so con che cosa, e viene fuori un personaggio”.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Corrado Guzzanti e la satira: i tempi di Matrjoska e la Tv di oggi