Così gli italiani con le lingue straniere

Una curiosità, l’italiano è la quinta lingua “straniera” parlata in Italia (2,1%) poiché utilizzata dai cittadini stranieri che risiedono nel nostro paese o dalle persone appartenenti a minoranze linguistiche. Di coloro che, invece, non sanno parlare alcuna lingua straniera, il 37% risiede al Sud e nelle Isole, mentre il 30,7% è del Nord-Est. Per quel che riguarda il numero di lingue conosciute, è il centro a detenere lo scettro dei poliglotti, con l’1,7% di persone con quattro lingue, oltre a quella madre, contro l’1% della media nazionale.

In Italia, il 42,1% degli abitanti ne parla solo una, il 18,9% due ed il 4,2% tre. In generale, è nelle fasce della popolazione più giovane e istruita che si registra la quota più elevata di persone (91,4%) che dichiarano di conoscere almeno una lingua, mentre più si sale con l’età, maggiore è l’analfabetismo linguistico: il 56,5% dei pensionati e il 52,3% delle casalinghe, infatti, non conosce nessuna lingua.

Solo il 28,5% dichiara poi di sfruttare la conoscenza delle lingue per leggere libri, quotidiani, riviste o guardare dei film (26,5%) in lingua straniera, mentre il 25,9% è facilitato nell’uso di internet. Ma gli italiani vogliono davvero imparare una lingua straniera? La maggioranza è per il No. Il 52,9% della popolazione, infatti, non ha nessuna intenzione di farlo, il 25,2% probabilmente non lo farà, mentre solo il 4% è spinto da una forte motivazione e il 17,9% forse lo farà.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Così gli italiani con le lingue straniere