Cyberbullo online. Il software per fermarlo

Dal rapporto del Progetto Daphne – ricerca realizzata dall’Unione europea in Italia, Spagna, Finlandia, Regno Unito e Bosnia Erzegovina – si viene a conoscenza che il bullismo è oggigiorno elettronico: i bulli utilizzano email, video, chat per colpire ben il 7,3% degli adolescenti collegati. La preferenza per l’utilizzo del Web come strumento di violenza è più che comprensibile per molti osservatori del fenomeno: il bullo infatti agirebbe con più "serenità" su Internet non avendo difronte il soggetto colpito e non essere così sottoposto a ripensamenti prima di compiere il gesto.Il bullo, così come viene studiato e individuato, è un giovane (perlopiù maschio ma le femmine sono in crescita) colpito da problemi di varia natura, molti derivanti dall’educazione famigliare, altri dalla società e dagli amici a cui si accompagna: un soggetto quindi debole che colpisce perlopiù altre persone vittime di disagi. Il cyberbullo infatti sembra predilire i giovani omosessuali, discriminati per il solo fatto di essere tali.Dall’Australia arriva la notizia della nascita di un software specifico integrato nei pc delle scuole: si tratta di un filtro di email sviluppato dalla NetBoxBlue. Il software, Cyber Bullying Prevention Engine (Cbpe), è capace di identificare e gestire i messaggi di posta elettronica riconosciuti come creati da cyberbulli grazie ad una sorta di dizionario che scansiona la mail alla ricerca di terminologie volgari, offensive e minacciose. Tutte le mail contenenti tali termini vengono automaticamente inoltrate in una casella apposita, non facendo così pervenire il messaggio minatorio all’utente preso di mira.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Cyberbullo online. Il software per fermarlo