Dalla Cina una nuova sfida a Google

E’ stata infatti rinnovata infatti la sede di Pechino, che ora potrà ospitare tutti i 1000 dipendenti di Sina, e sono già pronti i servizi dedicati al mercato della telefonia mobile di terza generazione (Umts), il cui arrivo nel vastissimo territorio cinese è atteso tra il 2007 e il 2008. Il tutto è poi condito da un capitale stimato in circa 300 milioni di dollari, che rappresenta una ricca fonte per gli investimenti dei prossimi anni. Secondo Wang Yan, le prospettive sono enormi: "I cinesi che usano Internet sono circa 100 milioni e, entro la fine di quest’anno, arriveranno a 125 milioni, contro i 140 milioni degli Stati Uniti. Per il 2006 il numero di navigatori cinesi dovrebbe raggiungere quello degli americani, per poi superarlo nel 2007." Sarà proprio nel 2007 che, secondo le stime di Wang Yan, si assisterà al definitivo sorpasso di Sina e Baidu nei confronti dei colossi USA. Per il fondatore di Sina infatti, "con il 70% della popolazione che accede a Internet, gli americani saranno al massimo delle loro potenzialità, mentre noi cinesi saremo soltanto al 20% e continueremo a crescere di anno in anno". Nato nel 1995 dall’iniziativa di alcuni studenti cinesi, in madre patria e all’estero, il progetto di Wang Yan è diventato Sina nel 1998. Oggi, Sina Corporation conta almeno 30 milioni di visitatori giornalieri e attività Internet a 360 gradi. Resta però il vincolo della censura, posto dalle autorità cinesi, sui numerosi messaggi che giungono ai siti attraverso le community e le pagine personali. L’opera di controllo non costituisce però un limite alle attività del gruppo, assicura Wang Yan, in quanto "l’attenzione delle autorità è assai più presente per gli altri media, come Tv e stampa". Grazie a nuove iniziative legate ai sempre più richiesti videogiochi on demand e alle nuove tecnologie per la trasmissione dei programmi Tv sui cellulari Umts, senza dimenticare l’Internet in mobilità, Sina Corporation si candida ad un ruolo di primo piano a livello mondiale. Un ruolo di leader raggiungibile grazie alla vastità dell’utenza cinese, sia residente in Cina che all’estero, e facilitata dagli introiti pubblicitari provenienti da società estere, sempre più interessate al progetto.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Dalla Cina una nuova sfida a Google