Dalla MotoGP la nuova Honda CBR600RR

Ne è un esempio il nuovo inconfondibile look "Airfoil" della carenatura, che sfrutta le prominenti alette laterali (e la "T" della carena) per un’efficace penetrazione aerodinamica ed un ingresso in curva più immediato. Massima attenzione è stata inoltre riservata alla centralizzazione delle masse, che si esplicita in un cupolino più compatto e un codino rastremato e leggero.

La sella è più comoda e il serbatoio ancor più filante, mentre i semimanubri sono stati rialzati di 10 mm per un controllo ed un comfort superiori. Inconfondibile anche il design "Line Beam" del gruppo ottico sdoppiato anteriore, integrato da indicatori di direzione compatti con lenti fumé e lampadine color ambra.

Il propulsore 4 cilindri da 600cc in linea è ancora più piccolo, leggero e potente del precedente, ma ne conserva la Doppia Iniezione Sequenziale (PGM-DSFI). Nuovo anche il telaio in alluminio, più sottile e leggero, realizzato con l’inedito "know-how" della pressofusione fine. Con la concezione "True to Function", la CBR600RR si prepara quindi a sancire un nuovo, lungo dominio della "Scuola CBR" grazie ad un migliorato rapporto peso/potenza e a una maneggevolezza che promette di risultare sempre "il più veloce in pista ed ovunque".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Dalla MotoGP la nuova Honda CBR600RR