Dall’ENEA l’antifurto per i pannelli solari

Una soluzione a questo crescente e preoccupante fenomeno arriva dall’ENEA, il cui Centro Ricerche di Portici ha messo un dispositivo innovativo, il PV-Guardian, in grado di contrastare efficacemente la sottrazione e impedire l’utilizzo indebito di pannelli, in modo economico e innovativo.

Grazie all’applicazione del GPS, tramite una scheda laminata che è parte integrante del pannello fotovoltaico impossibile da rimuovere se non distruggendo il modulo stesso, PV-Guardian è infatti in grado di rilevare le coordinate geografiche di un’eventuale nuova installazione. Uno spostamento non autorizzato del modulo dal sito inibisce totalmente il suo funzionamento come generatore di energia elettrica rendendo vana l’azione stessa del furto.

Il dispositivo messo a punto dall’ENEA, semplice e a basso costo, rappresenta una importante opportunità per i produttori di moduli fotovoltaici, ed in particolare concorre a rendere competitiva ed innovativa la tecnologia dell’industria nazionale rispetto al mercato estero.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Dall’ENEA l’antifurto per i pannelli solari