Dentifrici contraffatti: caccia al dietilenglicole

Ribadendo che "Tutti i dentifrici prodotti da Colgate rispondono ai più alti standard di qualità e sono completamente sicuri per l’uso", Colgate suggerisce infatti di controllare l’astuccio esterno che deve riportare la scritta in italiano e astuccio e tubo che devono avere il riferimento alla Colgate-Palmolive italiana. Nel frattempo, anche il Ministero della Salute ha diramato una nota in cui si segnala che le autorità sanitarie del Canada hanno comunicato che nuove analisi di laboratorio sulle confezioni di dentifricio, precedentemente sequestrate per sospetta contraffazione, hanno escluso la contaminazione microbica da batterio "Burkholderia pseudomallei" che era stata invece segnalata al termine delle prime analisi venerdì scorso.Resta invece confermata, sempre da parte del Canada, la presenza dell’emulsionante "dietilenglicole" in quantità rischiose per la salute. "A seguito di tale informazione – spiega il Ministero – cessa in Italia l’allarme per contaminazione microbica mentre proseguono le analisi chimiche per verificare se nei dentifrici sequestrati nei giorni scorsi nel nostro Paese vi sia o meno presenza di sostanze improprie e nocive per la salute". I risultati dovrebbero arrivare nel corso di questa settimana.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Dentifrici contraffatti: caccia al dietilenglicole