Diabete tipo II: la speranza è chirurgica

Pur trattandosi di uno studio pilota, con un campione di 20 pazienti, quello condotto da Scopinaro ha già calamitato l’attenzione di studiosi ediabetici di tutto il mondo. Attraverso un intervento di “Diversione biliopancreatica” (solitamente utilizzato per combattere l’ulcera peptica), effettuato su pazienti diabetici non gravemente obesi ma in semplice sovrappeso, gli studiosi sono riusciti ad eliminare già dal momento della dimissione dei pazienti dall’ospedale sia l’uso di farmaci sia la necessità di seguire un’apposita dieta. Nei controlli successivi, tutti i pazienti (il 50% già dopo un paio di mesi) hanno visto i propri valori glicemici regolarizzarsi entro quattro mesi dall’intervento.

Ulteriori conferme della bontà della scoperta di Scopinaro potrebbero arrivare da uno studio multicentrico che vedrà coinvolti 20 ospedali italiani e 600 pazienti diabetici affetti da sovrappeso o obesità lieve che verranno operati e poi seguiti per un periodo di dieci anni.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Diabete tipo II: la speranza è chirurgica