Digitale Terrestre: switch off per Aosta

Ciò significa che i due canali saranno visibili solo attraverso il decoder digitale (box interattivo), per l’acquisto del quale è stato predisposto un contributo statale di 70 euro. Ricordiamo, in tal senso, che il Ministero delle Comunicazioni ha attivato sin dallo scorso 5 febbraio un call center (800.022.000) e un sito internet (decoder.comunicazioni.it) pronti a fornire agli utenti tutte le informazioni utili all’installazione del nuovo sistema e all’accesso ai contributi statali per l’acquisto del decoder, per il quale bisogna dimostrare di aver pagato il canone Rai.Tornando alla Valle D’Aosta, l’assessore regionale alle finanze Aurelio Marguerettaz ha dichiarato: "La data del 16 aprile rappresenta il primo passaggio di una graduale transizione alla nuova tecnologia che vogliamo sia la meno traumatica possibile per i valdostani e che rappresenta anche una fondamentale evoluzione culturale".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Digitale Terrestre: switch off per Aosta