Disabili visivi: la multimedialità in un brevetto

Non vedenti e ipovedenti potranno infatti avvalersi di un apparato che, durante l’esplorazione via touch screen di un’immagine dal web, utilizza i due canali dell’audio in stereo per offrire una combinazione di stimoli audio e tattili. Questi ultimi vengono creati da un elemento vibrazionale controllato dal segnale audio. Numerose le possibilità offerte dal brevetto, dalla formazione scolastica e lavorativa alle occasioni di svago. Importante anche il costo molto contenuto del dispositivo.Per quel che riguarda il funzionamento, l’immagine web è predisposta in modo da poter generare suoni, che attraverso il canale di sinistra generano un normale impulso audio mentre attraverso quello di destra generano un impulso tattile fruibile attraverso un trasduttore di contatto da indossare sul dito. Seguendo un metodo d’esplorazione prestabilito l’utente videoleso può autonomamente ricavare informazioni dai tratti dell’immagine.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Disabili visivi: la multimedialità in un brevetto